Tailleur taglie forti on line


Nei primi anni novanta le minigonne tornano ad essere presenti con una certa costanza nelle collezioni di il cenacolo di leonardo da vinci dove si trova moda (a volte, nell'ambito dello stile New Glamour, riprendendo look particolarmente d'impatto diffusi nei decenni precedenti, come le mini argentate di Courreges in alternanza con gonne dall'orlo più.
Nella foto il cast della serie statunitense Space Patrol (1950-1955).Una famosa sequenza del film Basic Instinct (realizzato nell'anno 1992, in cui la protagonista Sharon Stone in realtà indossava un corto tubino ripetutamente ripresa e/o parodiata da altre pellicole e produzioni televisive, ha diffuso tra il grande pubblico l'idea della minigonna portata senza calze.A partire dalla fine del, xIX secolo i primi movimenti femministi iniziarono a ritenere le gonne portate allora troppo scomode: queste erano costituite da tessuti pesanti, lunghe fino a terra o poco meno, e spesso indossate sopra a sottovesti altrettanto lunghe.Diversi fotografi come Helmut Newton o Richard Avedon immortalarono nelle loro opere le più famose modelle del momento ( Twiggy, Jean Shrimpton, ecc.) la bonta vince vincitori in foto che evidenziavano le loro gambe, ampiamente lasciate taglia calze in vista da minigonne o abiti molto corti.Nessuno ha inventato la mini, nasceva da una volontà.Oltre a questo, a causa della giornata particolarmente calda, era senza calze, né guanti, né cappello (tre degli accessori considerati quasi obbligatori dalla moda tradizionale del momento).Il periodo di forte rinnovamento sociale, che portava ad una ricerca di discontinuità con il passato tra i più giovani, la facilità di produzione di questo capo di vestiario (e l'economicità nei modelli più semplici) 35, garantirono un forte interesse per l'indumento da parte dei.In quegli anni iniziavano peraltro ad essere poste sotto accusa anche diverse campagne pubblicitarie, che puntavano sulla minigonna per evidenziare l'avvenenza delle modelle, richiamando così l'attenzione su prodotti che non avevano nulla a che fare né con l'abbigliamento, né con l'universo femminile.I wore them very short and the customers would say, "Shorter, shorter".» (IT) «Sono state le ragazze della King's Road ad inventare la mini.7 Seccondo la storica della moda Valerie Steele, direttrice del museo del Fashion Institute of Technology di New York, questo cambio nel vestiario era un sintomo di una maggiore libertà sessuale per le donne dell'epoca, che tuttavia si restringerà nuovamente nei decenni successivi, perlomeno fino.In risposta a questi primi timidi cambiamenti negli Stati Uniti vennero varate leggi per regolare la lunghezza minima delle gonne.Anche nel mondo dello spettacolo si diffondono abiti corti che scoprono le gambe e non solo: la ballerina e cantante Josephine Baker si esibisce già negli durante gli anni venti con un costume che la lascia quasi in topless, munito di un corto gonnellino composto.Questi dibattiti per la paternità non sono comunque anomali, è da ricordare infatti, come già scritto, che simili capi di vestiario erano stati effettivamente impiegati anche in precedenza, per esempio per le divise delle sportive o per gli abiti da spiaggia lanciati nei primi anni.La rivoluzione, gli stilisti, le icone, White Star, 2011, isbn, pag 126 a b Bianca Lang, Tina Schraml, Lena Elster, La minigonna.Il già citato André Courrèges incluse per esempio una minigonna, meno aderente e portata con stivaletti (i Go-go boots per la sua collezione Mod della primavera estate del 1965, introducendola quindi nella cosiddetta alta moda, mentre tra i primi stilisti a vestire nelle sfilate.Durante gli anni '70 alla minigonna si affiancarono i pantaloncini corti ( short, hot pants e simili spesso di lunghezza inferiore a quella delle stesse minigonne, come quelli indossati dalla ragazza sulla sinistra.Le minigonne estremamente corte, pur essendo poco diffuse nell'abbigliamento comune, sono quasi una costante delle sfilate dell'inizio XXI secolo.Microgonna di jeans, i modelli hanno solitamente "lunghezze" inferiori ai.La diffusione della "mini" influenzò anche indumenti generalmente più casti, come gli abiti da sposa, i tailleur con gonna o il tubino La stilista Barbara Hulanicki ha più volte riportato 33 34 un aneddoto relativo alla sua collezione del 1966 del marchio Biba, che ben.Voce Minigonna, dal Dizionario Italiano di, De Agostini mini, in Il Vocabolario Treccani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1992.



Tra il 1984 e il 1986 la stilista britannica Vivienne Westwood, che al tempo lavorava in Italia, lanciò un nuovo tipo di minigonna chiamato mini-crini 81 82, composta dalla fusione di un tutù da ballo con una struttura rigida derivata dalle crioline usate nell'epoca Vittoriana.
Nei primi anni settanta la minigonna continuò infatti a diffondersi e ad accorciarsi, ma con l'arrivo della metà degli anni settanta questa tendenza iniziò ad invertirsi.


[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap