Vincero' opera lirica




vincero' opera lirica

Ha faticato tutta la vita per migliorarne lefficienza e per renderlo duttile al servizio delle creazioni dei sommi compositori, raggiungendo traguardi di perfezione assoluta.
Amava la lirica e aveva una bella voce.
Il poeta Recchi mi disse anche che la trattoria di Lugo, a Custoza, si chiamava Villa Vento, in ricordo di una canzone, Vento, che era stata un cavallo di battaglia del tenore.Nel dopoguerra, si era dato al cinema, ma era caduto in mano a una banda di malviventi che lo avevano convinto a finanziare un film sulla propria vita, ma poi erano fuggiti con i soldi senza aver girato neppure tagli di carne per brasato una scena.Quando andavo a pranzo da lui, veniva sempre al mio tavolo sconti studenti universitari trenitalia e accennava ai suoi trionfi passati, ma sempre con molta discrezione.Era nel pieno della sua grandezza artistica e della sua popolarità. .Vivo in funzione della mia voce.Gli sarebbe piacito incontrare quel grande, ma forse aveva pensato che lui, essendo vecchio e dimenticato, non avrebbe mai avuto quel privilegio.Anche perchè la Musica lirica, patrimonio eccelso del nostro Paese e dellumanità, è trascurata dai media.Y nosotros, ay, tendremos que morir!Soprattutto quando si parlava di lirica.I giornali lo definirono il nuovo Gigli.Nei pressi di Verona, e precisamente Custoza, una ventina di chilometri dalla città, in collina, tra il verde, cera una trattoria che si chiamava Villa Vento, dove si mangiava molto bene.Y wind offerte per internet mobile mi beso deshará el silencio que te hace mía!Franco Corelli era a Verona, impegnato in due opere, Ernani e Aida, al Festival lirico dellArena di Verona.Tú también, princesa, en tu fría estancia miras las estrellas que tiemblan de amor y de esperanza!Il giorno dopo ne parlai a Corelli.
Su nombre nadie sabrá.


[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap